Cavajuole vota cannuole

Pubblicato in Cava Ieri Etichettato sotto Scritto da Matteo

Traduci

Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

Foto di Cava de' Tirreni

Il detto è rivolto ai cavoti o cavajuoli (cavesi del tempo) per far valere l' esonero dal pagamento di gabelle, ricevuto con l'epistola del 22 Settembre 1460, dal Re Ferdinando I d'Aragona, confermato, poi, anche dai suoi successori. 

I cavoti o cavajuoli, per far valere il privilegio, estraevano una pergamena dall'astuccio che tenevano al collo (cannula o cannuolo): l'esenzione dal pagare i tributi era valida sia nell'acquistare che nel vendere  e valeva in tutto il Regno aragonese ( dalla Rocca di San Benedetto del Tronto (versante Adriatico) a Terracina (versante Tirrenico), fino a Lampedusa.
Alla richiesta del gabelliere del pagamento, i cavoti o cavajuoli, rispondevano: "so' ccavajuole" (sono cavese) e il gabelliere ( oppure il notaio), a sua volta, per verificare quanto dichiarato dai cavesi, per concedere l'esenzione, rispondeva : vota cannuolo! (mostratemi l'atto di privilegio!). Il cavoto o cavajuole estraeva dall'astuccio il lasciapassare e, dopo averlo mostrato all'esattore delle gabelle, proseguiva il suo viaggio, senza pagare nulla.

Coloro che confinavano con la Città di Cava per invidia, per denigrare le franchigie ottenute da Re Ferrante, sostenevano che l'aneddoto in argomento avrebbe due interpretazioni.

La prima è che il cavajuolo, oggi cavese, sia stato ed è un volta-gabbana, un voltafaccia, poiché trovandosi di fronte ad un guadagno personale, cambia facilmente opinione.
La seconda (dalle Farse Cavajole) è che alcuni secoli fa i cavojuoli furono chiamati dal Sindaco perché, assieme, punissero un asino colpevole d'aver mangiato l'erba della villa comunale. La punizione consisteva nell' applicare una cannula nell'ano del somaro per soffiare aria fin quando gli si gonfiasse l'intestino: la pancia gonfia ed il dolore avrebbero insegnato all'animale a non strappare più l'erba dai prati. Ma quando venne il turno del primo cittadino, a costui sembro' che non si addicesse a persona del suo rango mettere la bocca dove era stata messa da tutti i suoi concittadini, perciò, estratta la cannula dall' ano del somaro, la riconficcò dal verso opposto, soffiando a pieni polmoni! :)

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Loading...