Farfariello

Pubblicato in I personaggi di Cava Etichettato sotto Scritto da Matteo

Traduci

Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

Foto di Cava de' Tirreni


Eduardo Migliaccio, in arte Farfariello, nato nel 1880 a Cava de’ Tirreni nella frazione di SS. Quaranta, emigrò negli Stati Uniti con la famiglia, dove fu costretto a vivere in prima persona le difficoltà dello sradicamento, delle crisi d’identità e dell’adattamento in una realtà profondamente diversa dalla propria, spesso ostile e incomprensibile, soprattutto dovuta a difficoltà di comunicazione verbale. Abile e veloce nei travestimenti, fu protagonista dei palcoscenici americani, irriverente nelle macchiette napoletane e buon cantante, diventando un mito tra gli italo-americani. Il nome Farfariello evoca, forse non a caso, scenari danteschi - e infernali - visto che con tale sostantivo Dante chiama uno dei diavoli che pone a guardia dei barattieri nel XXI canto del?inferno nella Divina Commedia, etimologicamente deriva dall’arabo farfar, che significa folletto, piccolo demonio, diavoletto.
Inventore di un linguaggio particolare, misto tra l’americano ed il napoletano, definito idioma “italglish”,  che faceva sbellicare dalle risate i tanti spettatori che assistevano ai suoi spettacoli.  Migliaccio debuttò nel 1897 al "Villa Vittorio Emanuele", café chantant di Mulberry Street. Le sue "Neapolitan Machiette" occupano un posto di primo piano nella memoria dell'Italia "coloniale", costituendo la più veridica raffigurazione di un tipo caratteristico: il "cafone" alle prese con la vita della metropoli.A fianco delle canzoni sull'immigrazioni drammatiche e a volte piagnucolose, si creava con Farfariello un filone totalmente diverso dove il cafone protagonista sorrideva degli eccessi del mondo estremamente moderno americano e delle fisime dei connazionali "sagliute", cioè saliti nella scala delle classi sociali e percio' esaltatisi.

Eduardo , stabilitosi da Cava a New York, fu impiegato bancario come il padre. Spesso diventava scrivano per i connazionali analfabeti che inviavano lettere ai familiari in Italia e quest'attività gli aveva permesso di conoscere le loro disavventure , ma anche il loro slang, fatto di storpiature della lingua inglese in un italiano simile nel suono, ma diverso nel significato. Cappotto diventava cotto, da coat, la vetrina diventava sciocchezza, show case, la porta ghetta da gate.
Nel 1922 interpretò The movie actor , fatto restaurare dal regista Martin Scorzese e presentato alla mostra di Venezia nel 2001, a testimonianza di un vecchio modo di fare cinema, parallelo a quello "ufficiale" delle nascenti majors americane. Il film  è un cortometraggio interpretato dall’ eclettico cavese che dà vita a uno sketch di varietà, satira delle difficoltà degli attori italoamericani a farsi assumere dagli impresari newyorchesi. L’attore-cantante mette in scena una serie di macchiette: una donna, un gangster di Little Italy e un operaio appena sbarcato in America. Quest’ ultimo si produce in una filippica sulla situazione degli immigrati e sull’ uso della lingua inglese, a cui preferisce quella italiana, dove "pane significa pane". L’interesse per il cortometraggio non è quindi solo di tipo esclusivamente cinefilo, ma anche sociologico, in quanto presenta uno spaccato sulla vita degli immigrati, sull’evoluzione della lingua italo-americana e sugli stili recitativi di quegli anni. Farfariello divenne famosissimo al tal punto che il re Vittorio Emanuele  nel 1940 lo nominò cavaliere. La II guerra mondiale e la sua morte , avvenuta nel 1946 travolsero il ricordo dell’attore in Italia. Farfariello attraverso questa deformazione del grottesco, con l’aiuto della musica e dell’uso dell’ italglish, riuscì a dare voce al popolo degli italo-americani che aveva perso la propria voce, perché chiuso nell’isolamento dell’incomunicabilità verbale e dall’impossibilità di condividere i propri valori, le proprie tradizioni, la propria identità. In America invece continua ad essere oggetto di libri e di ricerca legate al varietà. Ma a Farfariello va riconosciuto anche il merito di aver aperto la strada a tanti artisti di origine italiana. La sua fama suscito' l'interesse di molte case discografiche per la creatività degli italiani in America, consentendo l'affermazione di altri personaggi d rilievo.


Eduardo Migliaccio - Farfariello in alcune foto dell'epoca

Del repertorio di Migliaccio, autore geniale, che ha dato originalissimi contributi ,fra l'altro, con una musica che aggiornava la tradizione partenopea al gusto del ragtime e del jazz, riportiamo nelle pagine seguenti alcuni testi che sono stati ritrovati sul web:

 

 


 

 


'O CAFONE C' 'A SCIAMMERIA

Me piace questa terra americana,
Perché qua siamo tutte quante eguale
E il presidente m'hadda da' la mano,
A me come la da' al frato carnale.

Mo che saccio ll'America
Nun tengo cchiu' crianza,
Ammarcio col principio,
Niscíuno è meglio 'e me,
Si tu si nnato principe
O tu si scenziato.
Io tengo la sciammeria
E songo o stesso 'e n'ato.
Dezze bicos Francì. Mi laiche dis contrì.
(1)

A lu paese mio pe fa ll'ammore,
Te 'a mettere il cortiello nella sacca
O lu pate o lu frate per ll'onnore
La monta de lu naso te ll'ammacca.

Ma qua ll'ammore è olrraite (2),
Overamente è bello,
Il padre penza 'e dollare,
Il frate penza 'e ghelle
(3),
Perciò la strada è libera,
Aperta so' li porte.
La chiamme: Come daune
(4)
T'a pigli e te la puorte.
Dezze bicos Francì.
Mi laiche dis contrì.

Si tu te nzure dalli parte noste,
Passe li guai e nun ce fai cchiu' niente,
Quell'è e quell'è cumpa', care te costa,
O fosse ollraite o fosse malamente.

Ma qua dentro all'America,
Si nun te pare bbona,
Scasse lu matremmonio
E te la vai a cagnà,
Dice: misto noi laiche
(5)
Fai na carta mbollata,
E quello lesto il sinneco,
Te ne prepara n'ata.
Dezze bicos Francì.
Mi laiche dis contri.

Io sento sempre dì che un taliano,
Scoprì sta terra qua ma nun è overo
Cristofano fu il primo crestiano
Che la piglio'. Fu il primo passaggiero.

Ma si ho parlato proprio,
c'uno c' 'o ssape e dice,
Che un tale 'e coppa il bronchese
(6)
Trovò sta terra qua,
Te pare che in America
ca sanno il bisinisso
(7),
quello po' ti facevano
scoprì sta terra a isso?...
Dezze bicos Francì.
E' comme te dich'i'.

E la stagione vai a Cunailando (8)
Lu paraviso. Quante belli ccose
Il lupo il lupo. Dentro il drimilando
(9)
Li vvide cietri ccose curiose.

Li specchie te ncuieteno
Mannaggia e che resate
Li scale che t'abballano,
La rota fa accussì.
Che mbruoglie. Uommene e femmene
Chi allucca, chi te votta
S'abbracciano, se vasano
Oscuro sotto 'a grotta.
Dezze bicos Francì.

 

 


NOTE
1) Sta per "That's because (la forma corretta sarebbe "That's why"), Francis, me (correttemente "I") like this country", cioè: Ecco perché, Francis, amo questo paese.
2) "All right".
3) "Girls".
4) "Come down", scendi.
5) "Mister, I don't like her": Signore, non mi piace.
6) "Bronx".
7) "Business".
8) "Coney Island", il parco dei divertimenti di New York.
9) "Dream Land", letteralmente "Terra dei sogni": una delle attrazioni di Coney Island.

 

 

 


 

 

 


Pazzy 'O Pazzariello

Da che stongo in America
io perdo la ragione
nun me fa cchiu' 'mpressione
qualunque cosa cchiu'.
Ma chisto è 'o munno 'a smerza
ma chesta è 'a pazzaria,
i cca' parola mia
me spasso comm'a cche'.

Riro comme 'a nu pazzo
Ah!
Ah! Ah! Ah! Ah! Ah!
si veco nu palazzo
Ah!...
Ncielo la ferrovia
Ah!...
Ma chesta è 'a pazzaria
Ah!...

Saccio che a questa terra
cagna mestiere 'a gente,
come si fosse niente
tutto se mette a ffa.
Si si' n'accida cane
ti miette a ffa 'o duttore,
si si' fravecatore
faie 'o ncigniere cca'.

E mare chi nc'ancappa
Ah!...
Ll'ommo 'e talento zappa
Ah!...
E chi adda zappa'
Ah!...
Fa 'o prufessore cca'.

Dicette un avvocato
ca tu nun saie la legge,
te mannano a la seggia
sta accorto a nun manca'.
Si dentro qualche carro
sputasse sulamente
qualunque presirente
nun te facesse ascì.

E po s'accrasta 'a gente
Ah!...
nisciuno dice niente
Ah!...
Vide cierta gentaccia
Ah!...
Ca tu 'e sputasse 'nfaccia
Ah!...

Quanno sposò Matteo
na ghella americana
(1),
invece 'e na taliana
come faceva o blof,
'O primo juorno avette
nu faite 'ncopp'o naso
(2),
Quanno fu persuaso
'e n'ato fatto po!...

cercaie 'o sciuglimento
Ah! Ah!
Denne 'o mantenimento
(3)
Ah! Ah!
Mo chella cu nu 'ngrese...
Ah...
E isso pav'e spese
Ah...

Come arrivate 'America
all'uocchie vuoste appare
mpustate miez'o mare
'a statua 'a libertà!...
Segno c'ognuno è libero!
Tu faie bona azione,
Chillo fa 'o mascalzone,
Può fa chello che vuo'!

Pecche' e' fri contri (4)
Ah! Ah!
Stenno, capisce mi?
(5)
Ah!
Tu fri contrì 'a me,
Ah!
Io fri contri 'a tte
Ah! Ah!

 


NOTE
1) Una "girl".
2) "Fight", fare a botte e, per estensione, una botta.
3) "Then" (poi).
4) "Free country", nazione libera.
5) "Do you understand me?".

 

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Loading...