Cava Ieri

Gli scavi al Castello

Pubblicato in Cava Ieri Etichettato sotto Scritto da Matteo

Da uno studio effettuato dall’archeologo Gianluca Santangelo, si riportano alcune notizie su quanto riguarda lo scavo del bastione est del Castello di Sant’Adiutore.

L'antico manoscritto di Filippo d'Asburgo

Pubblicato in Cava Ieri Etichettato sotto Scritto da Matteo

E' rientrato di recente a Cava un manoscritto dal notevole valore storico - documentale risalente al '600.

La festa dei Cavesi

Pubblicato in Cava Ieri Etichettato sotto madonna dell'olmo Scritto da Tutto su Cava

Dall' 8 al 12 settembre 2010 si è celebrato a Cava de' Tirreni la Festa patronale dedicata a Maria SS.Maria Incoronata dell' Olmo.

Nella foto Piazza Abbro dove in questi giorni l'Amministrazione Comunale, con la collaborazione di alcuni maestri vivaisti cavesi, ha allestito una composizione con fiori e piante intitolata :"La Madonna dell'Olmo in un tappeto di fiori".

Per notizie sulla Santa Patrona e sul culto mariano leggi anche:

La Madonna dell'olmo nel Borgo

Cava nell'ottocento e nel novecento

Il culto della Madonna dell'olmo

 

 

Il turismo a Cava negli anni'30

Pubblicato in Cava Ieri Etichettato sotto Scritto da Matteo
  • Il turismo

Verso la fine del ' 700 Cava ebbe il privilegio di diventare base obbligatoria per le escursioni dei forestieri a Pompei, a Paestum e in costiera . A rafforzare questo ruolo concorsero: la bellezza delle sue contrade; i tesori di arte, di storia e di cultura conservati nella Badia dei Benedettini; la frescura del suo clima temperato. Cava fu la prima città della Campania e la quinta in tutta Italia ad ottenere, nel 1926 con Decreto Ministeriale, il riconoscimento di Stazione di Soggiorno, di Turismo e Cura. I turisti di allora arrivavano in treno a Cava e, poi, da Cava partivano in carrozza per le passeggiate in costiera amalfitana. 

Le antiche strade maestre

Pubblicato in Cava Ieri Etichettato sotto Scritto da Matteo

Cava era attraversata da due strade maestre: la Via Nocerina e la Via Maggiore, entrambe biforcazioni della strade che nel MedioEvo portavano da Salerno a Napoli attraversando Nocera. Prima dell' età medievale, Cava era attraversata anche dalla Via Aquilia, che da Capua (dove terminava la Via Appia) conduceva fino a Reggio Calabria.

Pagina 4 di 7